martedì 23 ottobre 2012

Poncho & co.




 


 Una delle cose che adoro di queste belle giornate autunnali che precedono l'arrivo dei primi "veri" freddi è la possibilità di spaziare molto con i capispalla.

Uno dei miei preferiti - e che ogni anno puntualmente mi invoglierebbe a fare nuovi acquisti - è il poncho, sia esso di lana tricottata o di ecopelliccia.




Ormai, però, so per esperienza che la "stagionalità" di questi capi è limitata a poche giornate all'anno, per cui cerco di limitarmi molto nei nuovi acquisti, accontentandomi piuttosto di quelli che possiedo già.

I miei preferiti sono un poncho con le maniche in ecopelliccia tricottata grigia, chicchissimo e molto luminoso per la sera, e questo - in ecovisone tricottato molto semplice - da abbinare a mise più sportive, come questa.

Il look:

- jeggings sabbia, 7 for all mankind
- maglia marrone, H&M
- borsa, Gucci
- poncho, Club
- biker boots, Fiorentini & Baker






lunedì 22 ottobre 2012

Direttamente dallo spazio ;)



Su Asos ho comprato quest'abito con "pannelli" in pelle, un po' stile fidanzata (attempata) dell'Uomo Ragno, un po' da membro dell'equipaggio dell'Enterprise in gonnella. ;)

Nel complesso lo trovo molto carino, però, e conto di metterlo tanto!

Ho deciso di postarlo, nonostante mi senta attualmente un po' fuori forma, perciò siate clementi!





domenica 21 ottobre 2012

Regalino inatteso



Ieri giornata di shopping famigliare con, al seguito, due adolescenti recalcitranti e sbuffanti (un pesante fardello, quando si tratta di andare per negozi - uno dei due si metteva ostinatamente a fare i sudoku sbuffando in ogni singola boutique in cui entravamo... e sì che eravamo lì per loro!).

Siamo andati al Fox Town, perché entrambi avevano bisogno di jeans e pullover di lana.

Ogni tanto abbandonavo la prole alle mani paterne (generalmente in negozi per me di scarso fascino come Nike, Puma, ecc.) per dare un'occhiata in altri negozi. Da Pinko grande assortimento, ma purtroppo mancavano già tutte le taglie piccole e medio-piccole.

Alla fine, però, e del tutto inaspettatamente, c'è scappato un regalino da parte di mio marito, che aveva notato che guardavo e provavo questa borsa da Gucci - modello Bardot in versione grande, della linea Joy.

Ovviamente l'ho subito inaugurata, con un look semplice semplice.



Il look:

Abitino di maglia, Lupattelli
Calze, H&M
Sandali invernali in suède, Marc Jacobs
Borsa, Gucci













giovedì 18 ottobre 2012

Qualcosa di grafico


 




Devo ammettere che gli amatissimi pantaloni carrot a disegni cravatta presi tempo fa da H&M, pur avendo una stampa per me meravigliosa, mi sono larghissimi.

Credo che H&M abbia proprio preso una cantonata, con le taglie, questa volta: benché solitamente la taglia 34 mi vada perfetta, questa volta nella 34 ci sto... due volte!



Cerco di ovviare almeno in parte portandoli abbastanza alti in vita, stretti da una cinturina, e abbinati a "sopra" più lunghi, ma per me abituata a una silhouette più "clean" è comunque un po' una forzatura.

Oggi comunque ho voluto provare ad abbinarli a un "sopra" più aderente, composto da camicia azzurra e giacchina di pelle.

Sono ancora indecisa se

a) far stringere i pantaloni - si, ma come?
b) farmeli trasformare in una gonna dritta e corta 5 dita sopra il ginocchio, da abbinare al total black (sempre che il tessuto sia sufficiente per farlo, non ne ho la minima idea)




Il look:

pantaloni, H&M
camicia, Ralph Lauren Blue Label
giacca di pelle, Victoria's Secret
stivaletti, Pura Lopez
borsa, A. Wang

mercoledì 17 ottobre 2012

Vestitinomania, la seconda


Non avrei mai pensato che dai tempi in cui pensavo di non essere tipo da abito all'indossarli spesso e volentieri, come in effetti sto facendo in questi giorni, sarebbero trascorse poche settimane.


Il fatto è che gli abitini sono una categoria vasta e sconfinata, all'interno della quale ognuno può trovare in fondo il proprio "segmento" (persino io), e che presentano degli indubbi vantaggi:



-  sono comodi quando si ha poco tempo: basta infilarseli e si è già vestiti
- un abitino (vabbé, con l'aggiunta di calze, scarpe e borsa) è già tutto un look, non bisogna pensare a cosa abbinarli (fatto salvo per il capospalla, ma per chi, come me, ha molto peccato su questo fronte in passato non sarà poi questo gran problema... e so che là fuori c'è una folta schiera di capospalla-addicted)
- accontentano i gusti di mariti un po' retrò che pensano che i jeans siano un capo poco femminile (sì, anche quelli che fanno un lato B da urlo)
- tengono caldo e sono comodi (basta sceglierli in versioni morbide, in jersey, di maglia ecc.)

Insomma, potrebbe essere l'inizio di una - seppur parziale - conversione...






Il look:
- abitino in cashmere, Repeat (preso qui: www.perfectlybasics.com)
- stivaletti, Pura Lopez
- calze, H&M
- borsa, A. Wang
- giacca di pelle, Victoria's Secret


martedì 16 ottobre 2012

Fantasia



Stamattina, per fortuna, splende di nuovo il sole, ma le temperature non sono affatto promettenti - e questo pone il problema del capospalla. In giro si vedono già piumini invernali e cappotti pesanti, ma in qualche modo sembra strano indossarli già a metà ottobre.

Per oggi, pertanto, ripiegherò su una giacca biker di pelle nera, anche perché, per fortuna, non dovrò stare troppo esposta agli elementi.


Per il look di oggi ho scelto - scelta insolita, per me che non amo le fantasie (o meglio, non è che non le ami, sulle altre vanno sempre benissimo, ma sono intrinsecamente convinta che non mi donino affatto) - un abitino fantasia, vero e proprio "scheletrone" del mio guardaroba che però tutto sommato non mi dispiace  (e che per questo passa sistematicamente indenne ai vari cambi di stagione).

Il look:
- abitino, Clan
- stivaletti neri, Pura Lopez
 - borsa, A. Wang
- calze, H&M
- orologio, Rolex
- orecchini a cerchio color argento, H&M


Davvero il blu e il nero non si dovrebbero abbinare? Personalmente non credo... Proprio quando si parla di fantasie, trovo che il nero crei uno stacco gradevole praticamente con... tutto.

lunedì 15 ottobre 2012

When in doubt wear black



Cosa indossare un lunedì mattina di ottobre, quando ci si sveglia già in ritardo su tutto, la stanchezza annebbia i pensieri, ci si è scordati di pensare al look la sera prima e dalle finestre entra solo tanto buio, inframmezzato da visioni di un tempo da lupi?

Complici anche le temperature, ho optato per uno dei miei vestitini di maglia (ancora abbastanza leggera) con calze 80 den e stivali.

Per illuminare il tutto, ho scelto questa collana di Max Mara, sempre nera, ma che riflette bene la (poca) luce autunnale.



Purtroppo anche le foto sono in linea con il tempo plumbeo, ma l'umore è ottimo. ;)

Il look:
Abitino di maglia nero, Made for Loving (yoox)
Calze nere 80 den, H&M
Stivali neri in crosta, a gambale floscio, Vic Matié
Trench beige dorato, Add
Borsa, Balenciaga
Collana, Max Mara







venerdì 12 ottobre 2012

Grigio, nero & acciaio



Sarà che il tempo ha definitivamente virato in direzione dell'autunno o che fino alle 18 sarò chiusa nel mio ufficio a scrivere, ma oggi avevo voglia di un look un po' cupo, ravvivato appena da qualche tocco "metallico" (orecchini, orologio, fibbia della cintura e hardware della borsa).

 Il look:
- camicia in jersey nera, H&M (vecchissima)
- skinny J brand grigi
- decolleté nere Gucci
- borsa, A. Wang
- orecchini a cerchio, H&M





Sfuocatissima, ma adoro le foto sfuocate.... :)

giovedì 11 ottobre 2012

Un fondotinta per l'autunno



Da sempre sono piuttosto "basica" per quanto riguarda il maquillage (oltre a non essere per nulla esperta, bado solo al risultato): uso pochi prodotti in colori naturali che non mi trasformano (a volte infatti all'eventuale potenziale di ottimizzazione che manco di sfruttare, ma in fondo mi va bene così, preferisco che nessuno si spaventi, vedendomi struccata ;) ) ma (spero) mi valorizzano.

In fondo, riguardo al trucco sono della scuola di pensiero della guru del make-up Bobby Brown, seguace del "trucco con i piedi per terra" che punta più alla valorizzazione che alla trasformazione.

Recentemente mi hanno offerto campioncini e prova di trucco con il nuovo fondo tinta di YSL, Touche Eclat, che prende il nome dall'omonimo correttore/illuminante.

L'effetto post-trucco mi ha lasciata davvero soddisfatta: il nuovo fondotinta regala uniformità senza effetto-cerone e al contempo integra l'effetto illuminante che ci si aspetta a livello "psicologico" da un prodotto con questo nome.

Lì per lì ho pensato che dipendesse (anche) dall'applicazione professionale da parte del visagista, ma una volta a casa ho testato per qualche giorno i vari campioncini e sono rimasta molto soddisfatta. Tra l'altro, rispetto ad altri prodotti dello stesso segmento di mercato trovo che assicuri una maggiore "tenuta" dei prodotti successivi (cipria, terra, blush ecc.) e un finish luminoso, ma molto naturale.

Anche la gamma di tonalità è piuttosto vasta.





Insomma, un prodotto consigliatissimo!


mercoledì 10 ottobre 2012

Berry Colors



Dopo alcuni giorni passati in una sorta di limbo da stress lavorativo, con intere mattinate trascorse a lavorare come una pazza al computer ancora in pigiama (per infilarmi la prima cosa capitata a tiro verso mezzogiorno, mentre preparavo il pranzo), oggi finalmente ho avuto tempo per infilarmi qualcosa di più decoroso e, complice anche il calo delle temperature e la nebbiolina ottobrina, ho deciso di indossare, per la prima volta quest'anno, gli stivali.

Ho scelto questi di Pura Lopez sul beige-tortora, perché trovo che i colori chiari diano al look un'apparenza meno "da stagione fredda".

E ho optato per un vestitino nei colori dei frutti di bosco che quest'anno si trovano un po' ovunque.





Il look:
Stivali, Pura Lopez
Abitino, Majestic
Borsa, Miu Miu
Calze, Calzedonia 8den (trovo siano pressoché invisibili - non sono lucide e si amalgamano con il colore della pelle; inoltre sono disponibili in tonalità leggermente "abbronzate" - ora vediamo quanto durano, però)



venerdì 5 ottobre 2012

Ode al tacco medio (e ai jeans J Brand)


 Il look:
Decolleté Gucci beige (vecchie)
Jeans grigi, J Brand
Blusa grigia, Benetton
Cintura cricia cocco, Furla
Blazer beige, Esprit
Borsa, LV Trevi PM

In questi giorni di troppo lavoro, stress e frenesia generalizzata ho bisogno di restare comoda e soprattutto mobile, perché spazio da lunghe session di lavoro davanti al mio fido computer a impegni assortiti e di vario genere (tipo barattolone di caramelle Haribo assortite).

Ho deciso pertanto di lanciare la mia campagna anti-tacco altissimo, che d'ora in poi riserverò esclusivamente alle sere - o a qualche occasione formale diurna particolare.

Ho rispolverato queste comodissime decolleté di Gucci, dal pratico tacco 7, con cui potrei anche correre la maratona di New York, se ne avessi il fiato.

I tacchi sotto i 10 cm fanno donnetta dimessa, casalinga disperata o sciuretta? Non importa e, onestamente, non mi sembrano neppure tanto drammatici.

Ne approfitto inoltre per recensire i J Brand che indosso nella foto, acquistati su The Outnet e arrivati qualche giorno fa. Per me si tratta del primo paio di J Brand e, nonostante abbia una discreta collezione di skinny jeans di varie marche e mi trovi bene con quasi tutte, questi meritano una lode speciale per taglio, vestibilità, comodità e qualità. Acquistati nella mia taglia abituale, vestono come un guanto - un guanto comodo, però. Insomma, valgono il prezzo non proprio low-cost.





mercoledì 3 ottobre 2012

Smalti: i miei preferiti per l'autunno

 Non sono particolarmente esperta di smalti per unghie, né sono particolarmente sperimentatrice quando si tratta di scegliere tra le infinite sfumature di colore disponibili. Negli anni, anzi, ho sempre più ristretto il campo a pochi colori di facile abbinamento, perché i colori sgargianti, o quelli che non legano bene con il colore della mia pelle, mi disturbano sempre un po' e finisco per togliere tutto molto in fretta.

Solo d'estate, con la pelle abbronzata, mi lancio anche nelle tonalità aranciate o corallo, perché credo che l'abbronzatura tolleri meglio certi colori e ne risulti esaltata.

In autunno, invece, torno a concentrarmi su pochi colori che mi piacciono praticamente da sempre:


Il mio best-seller di tutti i tempi, il Rouge Noir di Chanel. Vale ogni centesimo e fino ad oggi non ho ancora trovato il dupe dei miei sogni.  Per me resta unico e ineguagliabile.



Il Beige 565 di Chanel è una tonalità nude che ha il grande pregio di non far sembrare la pelle delle mani "malata", cosa che capita alle persone con i miei colori che usano tonalità di smalto un po' rosate (e che d'istinto, infatti, non ho mai amato neppure da ragazzina).


Un nude leggermente più "di carattere", rispetto al 565 di Chanel, è  Intense Nail Laque Perfection n. 220 di Dolce & Gabbana, che risulta leggermente più coprente e corposo sull'unghia, con una nota sabbia o mou più calda.



Smalto La Moss di butter London, una marca che mi ispira molto per la sua formula priva di molti agenti nocivi normalmente contenuti negli smalti. La tonalità La Moss vira leggermente più al rosso rispetto al Rouge Noir e, secondo me, sta bene con molte tonalità del guardaroba autunno inverno (anche con il nero).
Tanto per provare qualcosa di un po' più flashy, una volta ogni tanto, ho pensato invece a un color prugna intenso, come Plum di RGB.



E quando proprio ho voglia di un rosso-rosso più femminile (evento abbastanza raro) che stia bene davvero con tutto, punto su Rouge Fatal di Chanel, un rosso classico ma leggermente cupo e allo stesso tempo "sanguigno" che non mi stanca troppo in fretta, a differenza di quasi tutti i rossi provati negli anni.





Per riprendersi un po'











Oggi sto ancora abbastanza malino, ma ho deciso di darmi una mossa e di cercare di mantenere almeno un parziale decoro, secondo il principio per cui avere un aspetto curato influenza anche il modo in cui ci sentiamo dentro di noi. Non sono del tutto certa che sia applicabile anche ai virus influenzali, ma almeno ci ho provato.


Il look:
Blusa in seta mou, Zara (vecchia)
Skinny blu scuri, H&M (vecchi)
Cinturina leo in cavallino, H&M
Giacchina in pelle mou, Massimo Dutti (vecchio)
Stivaletti, L'Autre Chose (vecchio)
Borsa, LV Trevi, con charms e tracolla